Coronavirus, sono arrivati in Italia i medici cubani

L’Associazione Nazionale di Amicizia Italia-Cuba saluta l’arrivo in Italia del contingente medico cubano per la lotta contro il Coronavirus Covid-19.

Il contingente è formato da medici e da tecnici della salute, brigata medica Henry Reeve*, altamente specializzati nell’affrontare situazioni di emergenza, come quella che sta vivendo il nostro paese.

Cuba ha una lunga esperienza di collaborazione e di solidarietà verso altri popoli, riconosciuta a livello internazionale anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Ricordiamo in anni recenti gli interventi decisivi dei cubani nel 2010 ad Haiti contro il colera e nel 2014 in Sierra Leone, Liberia e Guinea a causa del virus dell’ebola.

Anche questa volta il personale della salute cubano sarà in prima linea, forte dell’insegnamento di José Martí, l’Eroe Nazionale cubano della Guerra di Indipendenza, che “La Patria è l’Umanità”.

*La brigata medica Henry Reeve, è una istituzione benemerita. Prende il nome da un cittadino newyorkese che difese l’indipendenza di Cuba. Il suo attuale comandante è il Dottor Carlos Perez e la definizione formale è quella di Contingente Internacional de Médicos Especializados en Situaciones de Desastres y Graves Epidemias. La sua specialità è quella di affrontare le emergenze, di arrivare dove nessuno arriva, di portare cure dove tutti fuggono, di vincere guerre che tutti ritengono che, visti i rischi da correre, che è preferibile perdere. I suoi galloni, la Brigada Henry Reeve, se li è conquistati sul campo – anzi sui diversi campi – in ogni dove dell’Africa e dell’America Latina. Quando si tratta di conquistare paesi e depredarli, infatti, ci sono gli statunitensi; quando si tratta di salvare vite in cambio di niente, ci sono i cubani.

Da Haiti alla Sierra Leone, Angola, Cile, Pakistan, Guatemala ed altri, questo piccolo esercito in camice bianco, armato di fonendoscopi e vetrini, di passione e consapevolezza, adesso è arrivato in Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.