American Airlines cerca di aggiungere due nuovi voli tra gli USA e Cuba

La linea aerea statunitense American Airlines cerca di aggiungere due nuovi voli al giorno per l’Avana, nonostante le crescenti restrizioni imposte dall’amministrazione di Donald Trump ai viaggi a Cuba.

Il quotidiano  The Dallas Morning News ha informato due giorni fa che la compagnia con sede a Fort Worth, in Texas, ha chiesto al Dipartimento del Trasporto (DOT) degli Stati Uniti  due voli quotidiani addizionali d’andata e ritorno a L’Avana dall’Aeroporto Internazionale di Miami , in Florida.

In questo modo l’impresa sommerebbe un totale di otto voli d’andata e ritorno ogni giorno dall’aeroporto internazionale  José Martí de L’Avana, il solo terminal aereo cubano in cui è permesso l’arrivo delle linee aeree nordamericane, per via di una criticata misura dell’esecutivo di Trump.

I limiti continui imposti dal governo del presidente repubblicano ai viaggi per l’Isola, che hanno compreso anche l’eliminazione, nel 2018 e nel 2019, dei popolari viaggi educativi “Popolo a Popolo”.

L’altra linea aerea di questo paese, la  JetBlue, a sua volta ha informato il DOT dell’annullamento di 14 de suoi voli per l’Isola.

Tra i percorsi annullati da questa compagnia ci sono i voli da Orlando, in Florida; Boston, Massachusettsm mentre quelli dall’Aeroporto Internazionale JFK di Nuova York,  saranno annullati dal 29 aprile.

Si manterranno tre viaggi al giorno da Fort Lauderdale, in Florida, a L’Avana.

Considerando le capacità annullate da questa compagnia, la American ha chiesto i nuovi percorsi ed ha intenzione di cominciare a realizzarli il prossimo 4 giugno.

Durante il secondo mandato dell’ex presidente Barack Obama (2009-2017), si erano incrementati in modo notevole i viaggi dei cittadini nordamericani nell’Isola Grande delle Antille, dov’e proibito andare come turisti per via del blocco imposto da quasi 60 anni da Washington contro il paese vicino.

Grazie alle 12 categorie di viaggi approvate per le visite all’isola, circa 600 mila statunitensi hanno visitato Cuba nel 2017 e nel 2018, oltre a 500 mila cubano americani,  convinti anche dal ristabilimento dei voli regolari diretti tra le due nazioni nel 2016 dopo un’interruzione di 55 anni.

Dopo il suo arrivo alla Casa Bianca però, Trump ha deciso di cancellare il processo d’avvicinamento bilaterale iniziato dal suo predecessore e una del priorità del suo esecutivo in questo senso è stata diminuire i viaggi a Cuba, per cui sono state adottate numerose misure fortemente condannate da diversi settori nordamericani.

Il 25 ottobre scorso il DOT e il Dipartimento di Stato avevano informato che a partire dal 10 dicembre le linee aeree statunitensi potranno realizzare rotte solamente a L’Avana.  Tutti i voli diretti ai nove aeroporti internazionale cubani meno quello della capitale sono stati cancellati.

Dal prossimo 10 marzo si limiteranno a L’Avana tutti i voli charters pubblici.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.