La Presidenza di Cuba ricorda e ringrazia il Comandante in Capo Fidel

La Presidenza di Cuba ricorda oggi il Comandante in  Capo  Fidel Castro, scomparso fisicamente il 25 novembre del 2016.

Con omaggi dal profondo del cuore e offerte per gratitudine. #Fidel #Cuba, scrive nel suo account della rete sociale Twitter la Presidenza della  nazione caraibica che colloca un link con il periodico Juventud Rebelde, che ha posto in prima pagina il testo “Offerte per la gratitudine”.

Circa un milione 800.000 persone hanno visitato il cimitero di Santiago Santa Ifigenia per esprimere il loro rispetto e la loro ammirazione per il leader storico della Rivoluzione Cubana  Fidel Castro Ruz, segnala il quotidiano della
Gioventù Cubana.

Il giovane Emiro dell’Arabia Saudita gli ha offerto la sua sciarpa e come un figlio grato, il cienfueghero Raúl Andrés Morales Puig,  la lasciato qui il suo diploma di Laurea in Diritto, con la dedica «Grazie padre mio per l’universalizzazione», segnala ancora la pubblicazione.

Il piccolo Alex di tre anni, con tratti ancora imprecisi e molti colori, gli ha mostrato con il suo disegno quel mondo di sogni che lui ha reso realtà per i bambini cubani, mentre persone dei più diversi credo e provenienze gli hanno lasciato fiumi di messaggi nei quali parlano di gratitudine e impegni con il suo legato.

«Tu non sei morto, vivi nei nostri cuori; Abbi fede in noi, ti amiamo e ti ameremo; Tu sei in ogni sorriso frutto della Rivoluzione; Grazie per aver dato dignità al nostro popolo; Un uomo muore quando la sua memoria scompare, ma lei vivrà per sempre; Dedicherò tutta la mia vita per continuare l’opera della Rivoluzione», sono alcune delle idee che spiccano in un mare di testi scritti con grafie e fogli tra i più diversi.

La direzione del cimitero ha detto che in questi tre anni più di un milione 800.000 persone sono andate a Santa Ifigenia per esprimere nei modi più diversi il rispetto e l’ammirazione per il leader della Rivoluzione Cubana.

Da domenica 4 dicembre del 2016, quando con mano ferma il Generale d’Esercito Raúl Castro depositò l’urna di cedro con le ceneri del Comandante in Capo Fidel Castro all’interno dell’enorme roccia, il cuore di Cuba batte dal cimitero patrimoniale Santa Ifigenia.

Il quotidiano Joventud Rebelde ha aggiunto che, da questo monolito che è la sua tribuna da tre anni, Fidel continua a mobilitare le folle e l’esercito dei grati che ha conquistato con una vita di dedizione, bontà e giustizia e ratifica così che c’è futuro per la sua opera.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.