Reiterano necessità di alternative davanti alla congiuntura energetica a Cuba

Il presidente cubano, Miguel Diaz-Canel, ha reiterato la necessità di cercare alternative davanti alla mancanza di combustibile nel paese per evitare così i minori danni possibili davanti a questa congiuntura energetica.

In una riunione con dirigenti nazionali e della capitale cubana per analizzare le misure davanti alla situazione, Diaz-Canel ha indicato che la mancanza temporanea di combustibile si deve alla recrudescenza del bloqueo degli Stati Uniti, ha informato una notizia della televisione nazionale.

Il mandatario ha affermato che si lavora per diminuire i danni ed ha elogiato iniziative come l’appoggio della Polizia e degli ispettori dei Trasporti che aiutano a velocizzare il trasporto di passeggeri in orario di punta.

Da parte sua, il primo vicepresidente, Salvador Valdes, ha insistito nell’appoggiare la lotta contro il furto di combustibile.

A sua volta, il capo del governo a L’Avana, Reynaldo Garcia, ha sostenuto che le priorità di lavoro in questo territorio sono il risparmio, la protezione dei servizi di base come il trasporto, l’igiene comunale, la salute e l’educazione, tra gli altri.

Le autorità cubane hanno annunciato questa settimana diverse misure per affrontare il panorama energetico, colpito negativamente dalle sanzioni degli Stati Uniti.

Industrie come la produzione di cemento e quella di acciaio diminuiranno le loro attività perché il proposito è concentrare le risorse esistenti sulla produzione di alimenti, la rete al dettaglio e la domanda nel settore turistico.

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.