Interprete genuino e creativo delle idee di Fidel

Cuba e il mondo continuano ad esprimere elogi sull’opera esemplare di José Ramón Fernández Álvarez.

Il popolo cubano continua ad esprimere il suo dolore per la morte, a 95 anni, di José Ramón Fernández Álvarez, che il suo popolo chiamava “El Gallego”.

Il Presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri di Cuba, Miguel Díaz-Canel Bermúdez, ha pubblicato nella rete sociale Twitter la sua sentita testimonianza: «Onore per sempre al nostro José Ramón Fernández, disciplinato ed esemplare soldato della Rivoluzione, interprete genuino e creativo delle idee di Fidel nell’Educazione e lo Sport, memoria privilegiata e azione impegnata sino all’ultimo respiro».

Díaz-Canel ha scritto anche che «Se n’è andato uno dei Puri, dei militari di carriera che preferirono il carcere piuttosto di servire un tiranno. Eroe di Girón e Maestro dei maestri, Ministro che rivoluzionò l’educazione cubana. Hasta siempre José Ramón Fernández».

Nella stessa piattaforma si legge il messaggio di Evo Morales, Presidente della Bolivia: «Lamentiamo profondamente la morte dell’Eroe della Rivoluzione Cubana, un autore della sconfitta degli

USA nella Baia dei Porci, un fondatore del Partito Comunista, il deputato e assessore presidenziale, José Ramón Gallego Fernández. La sua vita è un esempio di lotta senza quartiere contro l’imperialismo», ha affermato.

Dal Nicaragua, il suo omologo Daniel Ortega e la compagna Rosario Murillo hanno espresso in un testo nella stessa rete sociale che:
«Con l’ispirazione e l’esempio dei compagni come lui, continuiamo a difendere la giustizia, la dignità e il diritto alla prosperità dei nostri popoli».

La Sinistra Unita delle Asturie di fronete alla grave perdita ha espresso che fu «un uomo irrepetibile che condensa nella sua azione buona parte della storia e il legato della Rivoluzione. Asturiano per sangue, la sua umanità alimentava la semente dell’amicizia che fiorì nelle relazioni di quelle persone che ebbero la sorte e l’onore di condividere tempo, dibattiti e sogni con lui».
Fernández è stato una guida per lo sport cubano e uno di coloro che ha condotto a buona parte dei risultati più importanti del paese in questa sfera.

Il presidente dell’Inder, Antonio Becali Garrido, ha detto: «Ha interpretato con chiarezza il pensiero del Comandante in Capo Fidel Castro sullo sviluppo dello Sport. È stato un esempio di umiltà, tenacia e dedizione sino agli ultimi momenti della sua esistenza e continuerà ad essere una guida per tutti».

Le scuole di tutti gli insegnamenti e le università mostrano l’impronta del suo esempio, della sua dedizione al magistero; era un militare di carriera sì, ma nelle sue vene e nel suo cuore palpitava il maestro.

Per questo le nuove generazioni hanno riempito vari spazi delle reti sociali riempiendoli con elogi a tanto esempio.

In Twitter, Facebook e in altre reti, la Federazione Studentesca Universitaria, quella dell’insegnamento medio, i centri di alti studi, gli sportivi e i loro compagni, il ricambio delle grandi responsabilità di Stato e di Governo, hanno lasciato la testimonianza della loro gratitudine.

Le ceneri dell’Eroe della Repubblica di Cuba saranno esposte dalle 9.00 alle 12.00 di oggi nel Pantheon dei Veterani del Cimitero di Colón, dove resteranno sino a che saranno trasferite nel Mausoleo del II Fronte Orientale Frank País. ( GM – Granma Int.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.